Come riconosco una cravatta perfetta?

Come riconosco una cravatta perfetta?

9. Maggio 2022 – PUBBLICATO IN: Generale

«Un uomo vale la sua cravatta. La sua essenza si rivela attraverso di lei, il suo spirito si manifesta in lei. Lo spirito dell’uomo si mostra nella capacità di allacciarsi la cravatta”. Honoré de Balzac

 

Il taglio

Gli esperti non sono d’accordo sull’origine della cravatta, potrebbe risalire agli antichi romani. Molte fonti si riferiscono alla Guerra dei Trent’anni in cui i soldati croati indossavano panni legati, che i francesi chiamarono poi “à la cravate”. Quel che è certo, però, è che dopo secoli di varietà nelle forme, nel 1924 il sarto newyorkese Jesse Langsdorf inventò la cravatta come la conosciamo oggi. Ha avuto l’idea di tagliare il tessuto per le sue cravatte in diagonale e in tre parti. Il materiale cade molto più elegantemente, i nodi appaiono più morbidi e la cravatta dura più a lungo. Langsdorf fece brevettare la sua idea nel 1939 e la maggior parte delle cravatte sono ancora realizzate utilizzando questo modello oggi. Ti sei mai chiesto perché le righe della tua cravatta sono sempre oblique? Ora sai perché.

 

La lunghezza

Gli uomini alti in particolare hanno familiarità con il problema: molte cravatte sono troppo corte, anche con un semplice nodo non arrivano in vita. Alcuni fornitori hanno cravatte extra lunghe nella loro gamma (circa 155-165 cm). I signorini hanno la preoccupazione opposta: alcune cravatte sono troppo lunghe per loro. Quindi ci sono due cose da considerare prima di acquistare una cravatta: quanto sei alta e quale nodo preferisci? Assicurati di provare il nuovo pezzo prima di acquistarlo, perché qui la lunghezza conta davvero. Il punto della cravatta termina idealmente appena sopra la cintura o la cintura.

 

Il grasso

Che tipo di colletto della camicia preferisci indossare? Più gli angoli del colletto sono distanti, più grande dovrebbe essere il nodo. Le dimensioni dei nodi variano a seconda del materiale utilizzato: se il tessuto è abbastanza spesso, anche un semplice nodo risulterà piuttosto ingombrante, se il tessuto è piuttosto sottile, un quattro in mano sembra piccolo e stretto, ma è perfetto per un nodo Windsor.

 

La larghezza

La larghezza di una cravatta dovrebbe adattarsi al busto, al collo e al viso. Gli uomini magri sono visivamente sopraffatti dalle cravatte larghe, un uomo corpulento con una cravatta stretta sembra un po’ ridicolo. Le cravatte normali sono larghe da otto a nove centimetri, quelle strette sono larghe circa sei centimetri. È una voce non confermata che le cravatte con strisce in sbieco facciano sembrare più snelle chi le indossa.

 

Il materiale

Una cravatta in pura seta è un must nell’armadio di ogni uomo. La seta ha una lucentezza nobile, un drappeggio elegante e una sensazione piacevole. Stai lontano da viscosa e tessuti misti: possono essere più economici, ma purtroppo puoi vedere il loro prezzo. In autunno e in inverno, lana e maglieria sono un’alternativa calda e accogliente.

 

Il modello

C’è una vecchia regola nella moda maschile: non combinare più di tre modelli. La cravatta a pois può essere un successo con una camicia a righe e una giacca a quadri. O no. Se vuoi essere all’avanguardia nella moda, puoi sperimentare. Tutti gli altri dovrebbero combinare con cura: nelle occasioni ufficiali e in ufficio, è meglio indossare cravatte sottili, monocolore o semplici, a pois oa righe.

 

la cucitura

Le cravatte cucite a mano sono il miglior rapporto qualità-prezzo. Assicurati di prestare attenzione alla cucitura longitudinale all’interno: anche se una macchina da cucire era al lavoro, la cucitura deve essere flessibile. Può quindi rispondere elasticamente al tuo strattone mentre lo leghi e mantenere la sua forma originale. A proposito: il piccolo anello sul retro si chiama Passantino.

 

Il deposito

Per conferire volume e robustezza alla cravatta, nella sua parte larga viene lavorato un vellutino. Impedisce inoltre che la cravatta si attorcigli una volta indossata. Il tessuto esterno e la fodera interna dovrebbero essere ben coordinati: una seta sottile ed economica combinata con una spessa fodera interna dovrebbe simulare la qualità.

 

La cura

Anche se al mattino vai di fretta: fai il nodo con cura e sentimento. È più delicato sul materiale e il nodo è più facile da legare. Dopo averlo indossato, sciogliere sempre il nodo. Ciò consente al materiale di recuperare e la cravatta rimane in forma più a lungo. È meglio arrotolarli: in questo modo non ci sono punti di pressione. E: riposa più spesso la tua cravatta: indossane una diversa ogni giorno.

CONDIVIDI QUESTA STORIA SU: